ORO 24kt€/g 34,06
QUOTAZIONE DI BORSA

NOI LO PAGHIAMO

  • 24kt  
  • 22kt  
  • 20kt  
  • 18kt  
  • 14kt  
  •  9kt  
inserisci il peso
da quotare in grammi
ARGENTO 999€/g 0,43
QUOTAZIONE DI BORSA

NOI LO PAGHIAMO

  • 999  
  • 925  
  • 800  
inserisci il peso
da quotare in grammi

Oro o argento? Come scegliere i gioielli

scegliere i gioielliSono molti i fattori che influenzano la scelta di un gioiello da acquistare o da regalare. Infatti ci sono molti pro e contro per l’acquisto di un gioiello che sia in argento, in oro o anche in platino.
Innanzitutto cerchiamo di capire quali sono le principali differenze tra un metallo e l’altro e poi come è possibile valutare la purezza del singolo metallo. Queste informazioni danno un'idea sul valore di ogni materiale e possono fornire criteri di valutazione utili alla scelta di un gioiello che sia un anello, una collana o altro.

L’argento è un metallo bianco e lucido, ottimo conduttore di calore e elettricità. In genere si usa, oltre che per la realizzazione di oggetti di gioielleria, anche per monete, nella fotografia (il cloruro d’argento) o per realizzare oggetti ornamentali come vassoi, coppe o anche posate per la tavola. Non trattato, si scurisce esposto all'ozono o all'aria che contiene tracce di zolfo. L’oggetto o il gioiello d’argento non è mai d’argento puro, ma fa sempre parte di una lega che ne determina il titolo, cioè la percentuale minima, presente nella lega, di argento puro. La gran parte dei gioielli e degli oggetti ha titolo 800 o 925. L'argento che è marchiato 925, in inglese definito Silver, ha una composizione di 925 parti di argento e 75 di un altro metallo, in genere rame, a volte zinco. L’oggetto con marchio 800 ha una composizione di 800 parti di argento puro e di 200 di rame o altri minerali.

Dopo l'oro, è il metallo più tenuto sotto controllo dagli investitori. Il mercato per la trattazione di argento è quello di Londra, che ogni giorno dà il "fixing". 
Da tenere in considerazione che non è un materiale totalmente anallergico in quanto essendo una lega, gli altri metalli possono provocare allergie.
Per quanto riguarda l’acquisto di gioielli in argento questi hanno tanto più valore quanto più la lavorazione è raffinata o artistica: questa può rendere il gioiello qualcosa di unico e di anche di grande valore.

L’oro è un metallo tenero, duttile e malleabile, con colore giallo. Non viene attaccato quasi da nessun composto chimico. Viene lavorato in gioielleria creando una lega con altri metalli per dargli maggiore resistenza meccanica e può avere varie colorazioni in funzione del tipo di lega e della percentuale. L'oro si dice verde se è composto da 75% di oro, 12,5% argento e 12,5% rame. L'oro giallo, quello più comune, è composto di oro al 75%, 12% di argento e 13% rame. Quello rosa è composto da 75% di oro, 6,5-5% di argento e 18,5-20% di rame.
L’oro rosso, quello che veniva usato per i gioielli nell'antichità, è composto di 75% di oro, 4,5% di argento e 20,5% di rame. Infine l'oro bianco per la gioielleria è al 75% composto da oro, 25% da nichel, argento o palladio.
L’oro è quotato al grammo o all'oncia. La sua purezza, quando è una lega con degli altri metalli, si misura in carati: l'oro puro ha 24 carati. Man mano che diminuisce la percentuale di oro diminuiscono i carati. L'oro usato per fare gioielli ha purezza inferiore o uguale a 18 carati, perché una percentuale maggiore non è compatibile con la lavorazione. Il valore di un gioiello è stimato anche in base al pregio dei metalli che fanno parte della lega.
Il prezzo dell'oro viene fissato dai mercati. L'oro è stato usato storicamente per supportare, nei sistemi economici basati sul gold standard, le valute dei paesi: in altre parole il valore della moneta veniva attribuito in base alla quantità di oro che ne conteneva.

Per quanto riguarda il metallo giallo utilizzato in gioielleria, possiamo dire che esiste un naturale connubio tra oro e gioielli, infatti da sempre la sua duttilità ha consentito una facile lavorazione soprattutto ai tempi in cui i gioielli erano fatti rigorosamente a mano. Inoltre è totalmente anallergico ed ha un colore che attrae e affascina. L’oro per la creazione dei gioielli può essere definito quindi il materiale per antonomasia, questo ha fatto si che nel tempo, diventasse il metallo prezioso, nell'immaginario collettivo, più apprezzato e ricercato.
Oggi l'andamento del mercato ha valorizzato i gioielli in oro che, in caso di necessità, possono diventare una buona fonte di guadagno, potendo scegliere di venderlo per ricavarci del denaro liquido.

Anche il platino è un metallo malleabile e duttile, è il più pregiato dei tre. Ha un colore bianco-grigio. Viene usato in gioielleria anche puro, per questo è considerato anallergico, essendo tollerato da ogni tipo di pelle viene anche utilizzato in campo medico. 
Il platino non si consuma ed è ottimo per incastonare con sicurezza pietre preziose. La maggior parte delle gemme pregiate vengono incastonate nel platino, come ad esempio il diamante Koh-i-Noor, uno dei gioielli della Corona dell’Inghilterra.

Questa piccola guida può essere un valido consiglio da tenere in considerazione per l’acquisto di gioielli, che siano ad uso ornamentale, ma soprattutto per quelli rilevati come fonte d'investimento sicuro.

  • Meglio acquistare gioielli per uso quotidiano o pregiati da investimento?

    acquistare gioielliDa sempre i metalli preziosi risvegliano l'interesse generale.Nell'antico Egitto, diversamente da oggi, l'argento era più costoso dell'oro perché più raro.L'argento è un metallo bianco, malleabile, appena più duro dell'oro che in natura si trova sia puro che come minerale.Viene usato in gioielleria, oltre che per monili di costo non elevato, per coppe, posate, cornici e vassoi, il cui costo è sicuramente più alto di un anello dello stesso metallo. In argenteria si preferisce usare quello ...

  • Compro argento: vale di più l'argento 800 o l'argento 925?

    argento 800 e 925L'argento indicato con il simbolo Ag, è un metallo nobile molto duttile che, per le sue molteplici proprietà, oltre ad essere destinato alla lavorazione di oggetti preziosi, viene largamente usato anche nel settore industriale. I 2/3 dell'intera produzione mondiale vengono così ripartiti: - per i suoi alti valori di conducibilità termica ed elettrica il 20% di argento disponibile viene impiegato per componenti di telefoni cellulari ed avvolgimenti,- per il suo elevato potere riflettente e ...

  • Compriamo l'argento usato sotto qualsiasi forma

    argento usatoQuanto argento hai in casa, ci hai mai pensato?  I gioielli innanzitutto: anelli, orecchini, catenine, braccialetti. Ne regalano in ogni occasione e spesso i cassetti di casa e i portagioie sono stracolmi. L'argento permette a tutti di fare un regalo con una gradevole apparenza, un'affascinante luminosità, ma ad un costo sicuramente inferiore all'oro. Chissà quante volte hai guardato quegli oggetti e hai pensato che fosse ora di disfartene. Perché non ti piacciono più, perché l'argento ...

  • Valutazioni argento usato, blocca il prezzo online

    Compro ArgentoHai deciso di vendere il tuo argento e vuoi ricavarne il massimo? Una sola regola: punta sempre sui compro oro professionali , che ti offrono serietà, competenza e valutazioni ottimali, con procedure chiare e a norma di legge. Ma se vuoi davvero il massimo, scegli un esperto del settore, scegli un negozio del network A Peso d'Oro e la garanzia di un marchio fidato e solido che ti offre la migliore valutazione possibile e la comodità di verificare e bloccare online il miglior prezzo per il ...

  • Gioielli etnici in argento, solo bei ricordi o potrebbero diventare un investimento?

    gioielli etniciL'etimologia della parola "argento" indica denaro, tanto che in 14 lingue diverse, entrambi i termini, argento e denaro, si pronunciano nello stesso modo. In araldica, molti stemmi e blasoni sono rappresentati con il colore argento, espressione di ricchezza e di potere. In campo teologico, il metallo prezioso è associato alla luna crescente e a divinità femminili, simbolo di virtù e di fertilità. L'uso dell'argento, come mezzo di scambio, ha origini lontanissime, risalenti II° secolo a.C ...